mercoledì 2 febbraio 2011

Come prendere decisioni più efficaci con il Double-Loop

La qualità della vita di una persona, oltre che dall'inevitabile dose di fortuna o sfortuna, dipende dalla capacità di prendere le decisioni giuste al momento giusto. La cosa è particolarmente vera per chi svolge lavori di responsabilità. Il lavoro principale di un manager è quello di prendere decisioni, le migliori decisioni possibili. Un buon marketing manager dovrà decidere come comunicare i propri prodotti, a chi indirizzarli e con quale combinazione ottimale del marketing mix.

Ogni decisione è basata sulla raccolta di informazioni e sulla loro elaborazione. Più informazioni abbiamo e maggiore è la qualità di queste informazioni, più efficaci sono le decisioni che possiamo prendere. Tuttavia, il tempo e le capacità di calcolo sono limitate ed impediscono il raggiungimento di una conoscenza totale. Qui entra in gioco l'apprendimento, ovvero quel processo con cui le informazioni vengono accumulate ed elaborate sistematicamente al fine di avere sempre con sé un bagaglio di conoscenze da usare in caso sia necessario prendere una decisione rapidamente, senza il tempo di raccogliere tutte le informazioni da capo.
Chi investe vent'anni della sua vita tra banchi di scuola ed aule universitarie punta, consapevolmente o inconsapevolmente, sul fatto che la conoscenza accumulata gli permetterà di avere una qualità della vita superiore in futuro, grazie alla capacità di prendere decisioni più efficaci, rapidamente.

Gerarchia piramidale del KM – Fonte: it.wikipedia.org
Questo è vero non solo a livello individuale ma anche a livello di organizzazioni di persone, come aziende o altri gruppi di individui che generano informazioni attraverso l'interazione tra di loro e con l'ambiente, prendendo decisioni di natura collettiva. Il Knwoledge Magagement si occupa proprio dello studio di come si possa trasformare l'informazione in conoscenza, attraverso il processo dell'apprendimento, al fine della sua condivisione, trasmissione ed utilizzo pratico.

Come possiamo gestire nel modo migliore la raccolta raccolta di dati, l'elaborazione dell'informazione, l'accumulazione e la trasmissione della conoscenza e, infine, il suo utilizzo pratico? Se avrete la pazienza di leggere il seguente articolo accademico, che ho avuto modo di scrivere come lavoro finale del corso di Kwoledge Management sostenuto tra ottobre 2010 e gennaio 2011 alla facoltà di Marketing und Management della Freie Universität di Berlino, potrete apprezzare la presentazione di un modello teorico e la sua analisi pratica attraverso un caso di studio. Contrapponendo un modello di apprendimento single-loop ad uno di tipo double-loop, l'articolo analizza in che modo la Wikimedia Foundation abbia gestito efficacemente la conoscenza nell'organizzazione della serie di eventi conosciuta come Wikimania.
Se invece andate di fretta, leggete più in basso...


Riassumendo drasticamente, un modello di apprendimento double-loop permette di prendere decisioni più efficaci perché è in grado di mettere in discussione le variabili decisionali a monte, ovvero l'intero sistema valoriale e decisionale, stimolando la ricerca di errori ed il confronto con l'ambiente esterno ed evitando il rischio di inibire la ricezione di feedback, positivi o negativi, relativi alle decisioni passate e fondamentali per le decisioni future.
Il caso della serie di eventi Wikimania mostra alcune pratiche che stimolano l'adozione di un modello di apprendimento double-loop, quali: promuovere la critica e l'auto-critica; ricercare attivamente gli errori commessi, riconoscerli e prenderli in considerazione; creare spazi di dibattito e confronto aperto; utilizzare strumenti che permettano di trasferire la conoscenza acquisita nel tempo tra diversi soggetti.

Per approfondire vi invito a leggere l'articolo How knowledge can make decision making more effective. Nel frattempo, ricordatevi l'importanza di una corretta gestione della conoscenza per raggiungere un lavoro soddisfacente, una vita serena e, infine, la suprema saggezza.
blog comments powered by Disqus