martedì 16 gennaio 2018

Export 4.0. Commercio digitale e fiere: Nuovi mercati per le imprese lombarde.

Il bando Export 4.0 rappresenta un’assoluta novità nell’ambito delle misure di sostegno a favore delle PMI lombarde. Per la prima volta la regione Lombardia riconosce il commercio digitale come strumento di sviluppo dell’export, tanto da mettere sul piatto risorse per 5.000.000 di euro, 2,5 milioni oer il 2018 e 3 milioni per il 2019. Gli obiettivi sono lo sviluppo e il consolidamento della posizione dell’azienda sui mercati esteri attraverso due canali: marketplace (misura A) e fiere (misura B).

Nulla di nuovo per quanto riguarda le fiere ma non si può dire altrettanto per la misura A “e-commerce per l’export”. Il nome crea qualche problema di interpretazione soprattutto fra i non addetti ai lavori che associano l’ecommerce allo shop online con il classico sistema one-to-many. Il marketplace è un’altra storia, soprattutto per l’impostazione many-to-many da cui si cui si evince l’esistenza di un intermediario, identificato nel bando come operatore terzo specializzato (per intenderci Alibaba).

L’azienda dovrà per prima cosa individuare un portafoglio prodotti da proporre sul canale di vendita online, i mercati esteri di destinazione e uno o più canali specializzati di vendita online, non saranno ammessi progetti per l’avvio, sviluppo o manutenzione di app o e-commerce proprietari.

Contributo

Il contributo è a fondo perduto e consiste in una percentuale di contribuzione pari al 50% delle spese con un valore massimo di euro 6.000 ed un valore minimo di investimento di euro 6.000. Il contributo può coprire una o più fasi che riguardano:
  • la valutazione di fattibilità sotto l’aspetto amministrativo, organizzativo, logistico e strumentale
  • la predisposizione del piano di comunicazione e promozione
  • l’acquisizione di strumenti e servizi per avviare o qualificare l’attività di vendita sui canali e-commerce
  • Soggetti beneficiari
    Possono prenotare il contributo solo le PMI con determinate caratteristiche dimensionali e di settore di appartenenza, per sapere in pochi minuti se rientrate nei parametri dei beneficiari segnalo questo tool gratuito.

    In attesa delle istruzioni operative di Unioncamere, ricordo che la prenotazione avviene secondo l’ordine cronologico e la verifica del raggiungimento della soglia minima di ammissibilità tecnica fissata in punti 60.

    Buon export!




    blog comments powered by Disqus