Twit-distribuzione: integrare internet ed il consumo in mobilità.

Parlando delle innovazioni in atto nell’ambito della distribuzione, Mr. White si è limitato a pochi ma significativi esempi.
Innanzi tutto un elemento importante è la rinascita delle vending machines e dei rivenditori automatici in genere, per raggiungere i consumatori sempre più in mobilità.  Le vending machines – tradizionalmente utilizzate nel settore alimentare per snaks e bevande – vengono utilizzate ormai per ogni categoria di prodotto, dall’abbigliamento all’elettronica passando per libri e quant’altro. Vi è mai capitato di incontrarne in areoporto una come questa?
Anche i distributori automatici si sono evoluti al 2.0: ne esistono alcuni che permettono di selezionare il mix preferito di diversi sapori ed ingredienti per comporre la propria bevanda personalizzata.
Un fenomeno interessante e con grandi potenziali di sviluppo è quello della twit-distribuzione, ovvero l’abbinamento tra Twitter ed il consumo in mobilità. Kogi BBQ è un ambulante di Los Angeles che comunica attraverso il suo profilo twitter la propria posizione, annunciando così dove sia possibile raggiungerlo per gustarsi uno dei suoi leggendari Tacos coreani. Al momento Kogi Bbq-To-Go ha 68’479 followers…. non male!
 
Sicuramente in Italia i numeri non sarebbero così alti, ma l’utilizzo di Twitter e di internet in mobilità sta crescendo ad un ritmo talmente sostenuto da non poter essere ignorato. Un esempio simile ma forse più realistico anche per il nostro territorio è quello di un caffè londinese che segnala via twitter quando vengono sfornate le brioches.
Insomma, le parole d’ordine per l’evoluzione della distribuzione sono mobilità ed integrazione tra online e offline. Una sfida da cogliere al volo, senza perdere tempo…

Condividi Articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp

Altri Articoli

volare-o-cadere

Non leggere questo post

Non farlo, non hai tempo. Ci sono tantissime cose migliori da leggere, guardare, ascoltare o assaporare. Se non hai mai letto l’Ulisse di Joyce, perché perdere tempo a leggere l’ennesima newsletter sul marketing?